Fip, Cardullo: “Il movimento è sano, l’impiantistica è migliorabile”

«Il movimento del basket giovanile è sano, al di là dei singoli casi che valuteranno gli organi preposti. Negli anni non ne ricordo molto di precedenti simili». A parlare è Simone Cardullo, presidente della Federazione italiana pallacanestro Toscana in relazione al caso dei 2.500 euro richiesti per ottenere il cartellino del giovane cestista. «Il movimento giovanile di Firenze e provincia – afferma – rappresenta il 35 per cento dell’attività di tutta la regione. È in continua espansione, le flessioni del periodo 2008-2010 sono state abbondantemente recuperate. A questo si aggiunge un’attività anche di buon livello. Non ci sono prospetti di primissimo piano, a parte il caso di
Bucarelli, ma ogni anno qualche giovane interessante viene sempre fuori».

E la situazione degli impianti? Qui il discorso si complica: «In generale le strutture sono datate, con diversi problemi. Soprattutto se guardiamo oltre al capoluogo, dove la palestra scolastica Dino Compagni, il Palacoverciano, Legnaia, dimostrano che ci sono realtà interessanti. Fuori la situazione è più difficile, penso soprattutto all’empolese-Valdelsa dove se ci fosse la volontà di fare qualcosa di maggiore qualità mancherebbero gli impianti adeguati». E il capoluogo? «Gli impianti ci sono, ma ci sarebbe sempre bisogno di altro, anche per la giusta concorrenza di tante altre discipline che reclamano i loro spazi. Quello che si poteva fare negli anni Ottanta ora inizia a essere molto più difficile».

o.p. – La Nazione

Per ricevere le ultime news sul basket a Firenze, le anticipazioni e i nostri aggiornamenti prima di tutti, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter
E non dimenticate l’app per Android: scaricala

All Comments

  • Con l’ipocrisia e cambiando tema non si affrontano i problemi.

    Avatar Sauro 30 Luglio 2019 11:50 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter