Lucchesi: “Con Enegan contatti ci sono stati e continuano”

Enegan arriverà, resta da stabilire se come primo sponsor o come partner (gold), ma i contatti con l’azienda toscana di luce e gas ci sono stati e continuano. Certo, ci sono da sistemare alcune cose, come la posizione degli altri sponsor, in primis la Giorgio Tesi Group, il cui contratto scade a fine stagione e poi gli altri arrivati in corso d’opera du- rante l’anno come Alival e Ipercarne oltre, naturalmente, a quelli storici come Nuova Comauto, Per Dormire, Bulky Soft e Conad, per parlare dei prin- cipali. Per la società Pistoia Basket sarebbe un bel colpo visto anche la cifra che Enegan sembra (o sembrava?) disposta a mettere sul piatto della bi- lancia, si parla di quasi 500 mila euro, che rappresenterebbe una bella boccata d’ossigeno e un buon inizio per programmare il futuro della società.

In società, però, si glissa su questo accordo. «Con Enegan — dice il vice presidente biancorosso Ivo Lucchesi — c’erano dei contatti per poter arrivare a un main sponsor, ma l’azienda ha deciso diversamente per cui vediamo se sarà possibile coinvolgerla in altri termini. E’ un aspetto di cui ne riparleremo ancora e vediamo come andrà a finire». Enegan, insomma, sembra proprio che entrerà a far parte della grande famiglia del Pistoia Basket, il ruolo e la posizione, e la cifra, verranno decisi in seguito. «Al momento non ho elementi per affermare una cosa simile — prosegue Lucchesi — co- me ho detto i contatti ci sono stati, ma per quanto riguarda la sponsorizzazione principale non sono andati a buon fine. E’ chiaro che continueremo a parlare con Enegan, così come con altri. L’unica cosa di cui siamo sicuri è di avere un prodotto inte- ressante, appetibile per degli sponsor che intendo- no investire nel basket. I risultati di questi anni so- no la testimonianza più concreta per cui noi andia- mo avanti per la nostra strada. Al momento lo sponsor è Giorgio Tesi Group, poi come società non chiudiamo le porte a nessuno». Pistoia è senza alcun dubbio una piazza appetibile anche perché in Toscana dovrebbe rimanere l’unica ad un certo livello, per cui un investitore amante della pallaca- nestro, con la voglia di puntare su un progetto con- creto e su una società solida adesso non potrebbe fare scelta migliore.

Fonte: La Nazione Pistoia – Maurizio Innocenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter