Siena a Firenze, non è un male…

montepaschi_siena_mandela_forum_galatasaray_eurolegaAll’ombra del cupolone, come qualcuno sa ogni tanto vado per tetti, scrivo questo pezzo sulle mie impressioni dopo la prima gara di Eurolega che Siena ha giocato al Mandela Forum di Firenze contro il Galatasaray. Una gara che ha visto la giovane Montepaschi guidata da un mai domo Daniel Hackett, arrendersi al bombardamento dall’arco della truppa di Ataman.

Ma a parte l’aspetto agonistico, mi piace soffermarmi su quello di colore, emozionale, quello di un palazzetto gremito per una partita di basket come non si vedeva da tempo. Sono 5300 le persone che sono accorse a vedere una gara di Eurolega, molte da Siena certamente, ma anche molti fiorentini, difficile fare una calcolo preciso ma l’impressione era che la platea fosse divisa a metà.

Mi sento di dire che hanno vinto il basket e il campanilismo sano che ci fa scotennare con i senesi, ma che non ci ha precluso di vedere una signor partita di Eurolega in un Mandela Forum, casa nostra, con i nuovi tabelloni segnapunti, nuovi canestri e nuovo parquet. Certo sentir cantare la verbena a Firenze fa un po’ impressione, ma lo hanno fatto in una struttura che in Italia pochi possono vantare, il nostro Nelson Mandela Forum. Subito dopo è cominciato uno spettacolo unico, di qualità, di fronte a tante famiglie che euforiche per le giocate appena viste, magari la domenica, riverseranno il loro interesse anche sulle sorti delle squadre gigliate…. perché noi prima di tutto,  siamo fiorentini.

Le foto de La Nazione

[youtube id=”Z95iuJAzJ3w” width=”620″ height=”360″]

All Comments

  • Stamani mi sono svegliato come dice Fabio con l’immagine di un Mandela pieno di gente per una partita di basket,l’ultima volta lo avevo visto una decina di anni fa,ma forse anche di più in occasione di un All star game. Bella sensazione,Firenze ama il basket …..si perché gran parte dei 5000 presenti erano fiorentini,lo si capiva quando i tifosi biancoverdi….come i colori del Pino di “etti” e la cosa contribuiva a innalzare la mia antipatia verso i cavallari,invitavano il pubblico a cantare e incitare la Mens sana e ad alzarsi in piedi la risposta era solamente di un esigua parte dei presenti,agli altri non gliene poteva fregare di meno.Comunque se i fiorentini si sono mossi per una partita tra Siena e Turchi è perchè hanno voglia di grande basket e questo dimostra che se gli dai uno spettacolo adeguato il pubblico risponde,mi sembra un buon motivo e un buon punto di partenza per le future speranze.Dal punto di vista tecnico la partita è stat molto scarsa,i Turchi hanno sovrastato Siena in ogni reparto,sotto canestro i mensanini sono stati inesistenti e hanno pagato sempre e comunque,alcune scelte del coach senese,non possono sperare ogni anno che mettendo in panca il secondo dell’anno prima facciano bingo,erano degne del miglior Paolini,alla fine il risultato è stato più che giusto,permettetemi di dire che quando Hackett è uscita dal campo per cinque falli non ho potuto esimermi dall’alzarmi in piedi ad applaudire un giocatore che stasera da solo valeva il prezzo del biglietto……… in conclusione una bella serata per chi ama il basket,con i Greci tornerò sicuramente…..poi vedere quel tabellone nel nostro impianto mi ha generato una certa compiaciuta emozione….ma ora è solo FORZA FIRENZE

    Stefano Malfetti 17 ottobre 2013 13:37 Rispondi
    • Molte, troppe analisi e considerazioni errate ….. dal predominio turco al coach ma sei perdonato … forse non abituato . Ti invito a seguire altre partite e anche se vedrai perdere ti accorgerai che poi, miracolosamente, arriveranno le vittorie.

      steve 19 ottobre 2013 01:17 Rispondi
      • Beh non mi vorrai dire che la Mens Sana abbia qualcosa da recriminare sulla sconfitta di mercoledì,non è questione di abitudine ma chiunque mastichi un pochino di questo gioco si accorge della leggerezza sotto canestro dei Mensanini,tant’è se non sbaglio la società sta cercando di correre ai ripari.Il coach viene dalla panchina dell’anno scorso era il secondo di chi l’anno prima faceva il secondo di Pianigiani,discorso articolato per ripetere che ogni anno con queste scelte non puoi fare bingo.Certo gli va dato tempo per farsi un po’ le ossa a questi livelli,ma per ora la realtà è questa,non puoi negarla.A un certo punto è stato solo Hackett contro tutti,grande immenso,ma da solo non può prendere i rimbalzi impostare i gioco e fare anche canestro.Arriveranno le vittorie,lo spero per voi a me sinceramente importa il giusto….anzi……tornerò al Mandela a vedere il grande basket con la speranza di vedere partite un po’ più tirate e più avvincenti.Vedere il Mandela pieno per un evento cestistico e non per un’esibizione di musici e pagliacci mi ha fatto piacere,come ho detto spero sia un viatico per riportare a Firenze il grande basket targato giglio fiorentino,c’è chi con impegno e sacrificio ci sta provando,l’interesse non manca,intanto godiamoci dopo trent’anni o quasi,dei tabelloni guardabili,dei nuovi canestri e un nuovo parquet….è già qualcosa

        Stefano Malfetti 19 ottobre 2013 13:09 Rispondi
  • CON TUTTO IL RISPETTO MA TIFO IN A1 MILANO

    Stefano Giannattasio 17 ottobre 2013 18:24 Rispondi
  • Bello spettacolo di una squadra senese giocata a Firenze sul parquet di Livorno ( dicono i ben informati) che sia un segnale di Toscana unita??

    Pietro 18 ottobre 2013 06:59 Rispondi
  • ABBASSO MONTEPASCHI SIENA E FORZA MILANO CON TUTTO IL RISPETTO IN SERIE A1 TIFO EA7 OLIMPIA MILANO

    Stefano Giannattasio 20 ottobre 2013 09:46 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter