Mandela Forum, il giorno di Mens Sana-Galatasaray

”Venire a Firenze significa spostare tutto, ma c’è il giusto entusiasmo per la risposta che ci sta dando la città”, per cui ”aspettiamo che Firenze risponda alla grande”.  Lo ha affermato , general manager della Montepaschi Siena, presentando il debutto stagionale in contro il , che si giocherà dopodomani al Mandela Forum del capoluogo toscano.

”Dobbiamo far collimare esigenze sportive di licenza pluriennale – ha spiegato – che per noi è fondamentale, con questa apertura alla Toscana che viene da lontano”. Minucci ha ammesso che ”i nostri tifosi hanno esposto degli striscioni contro la nostra decisione di venire a giocare le partite di a Firenze, ma io con loro ho un buon rapporto, mi hanno spiegato che d’altronde si sentono vincolati a Siena, al palasport della città, essendo nati lì”.

Il Montepaschi Siena e il Mandela Forum di Firenze apriranno domani (16 ottobre ore 20:30) la nuova edizione di , che riporterà le Final Four in Italia dopo undici anni (a Milano). I campioni d’Italia si spostano a Firenze, che può garantire nuove opportunità di visibilità, e dove il Mandela Forum si avvicina ai 10.000 posti chiesti dall’ per mantenere il diritto pluriennale.

Il girone – Siena è inserita in un gruppo complicato, perchè c’è l’Olympiacos due volte campione in carica (con Spanoulis ma deve far fronte a partenze importanti come Papanikolaou e Hines) che ha debuttato vincendo il derby contro il Panathinaikos (tenuto a 45 punti) e prima ancora aveva vinto l’Intercontinentale. E c’è pure il di Ataman ha qualità e panchina lunga per essere la seconda forza. Non sarà facile affrontare l’ di Joan Plaza che ha già fatto debuttare il 17enne figlio d’arte Domantas Sabonis, e il di Svetislav Pesic (attenzione al pittoresco centro John Bryant), mentre lo Stelmet Zielona Gora campione di Polonia (che vuole rilanciare l’ex prima scelta NBA Christian Eyenga) sembra la squadra materasso.

[ id=”hwYTyOmAOgs” width=”620″ height=”360″]

Nuove regole A differenza della Serie A, l’ inizierà la sua stagione con le regole che entreranno in vigore nel 2014. Quindi un tiro libero per ogni fallo tecnico (non più due) e l’espulsione per due falli tecnici, il cronometro resettato a 14” in caso di rimbalzo offensivo (non più 24”) e le linee del semicerchio anti sfondamento fanno parte dell’area in cui non verrà sanzionato un fallo in attacco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter