Grilli: “Prendersi subito l’1-0 con la Virtus”

daniele_grilli_3enegan_affrico_costone_siena_2013 nella sua esperienza ormai biennale a Firenze ha assaggiato il gusto amaro e quello dolce del fare basket.

In maglia Pallacanestro Fiorentina Affrico infatti è stato uno degli ultimi ad arrendersi in un’annata, la scorsa, contraddistinta da errori e sfortuna. Quella stagione tutti sanno che ha portato alla retrocessione. La scorsa estate però all’Affrico è iniziato un nuovo corso. Nuova società, nuovo titolo, ambizioni rinnovate. Nel programmare la stagione, uno dei primi spunti fu quello di confermare proprio Daniele, che proprio a Firenze aveva voglia di dimostrare di saper essere protagonista in un’annata vincente. E Grilli il protagonista lo ha fatto davvero quest’anno, mettendosi a disposizione del gruppo come sesto uomo. Un guastatore di lusso dalla panchina, fondamentale in tante partite. Qui siamo al gusto dolce del fare basket. Un sapore dolce che non fa però saziare la fame di vincere, ma la stimola sempre di più.

daniele_grilli_enegan_affrico_costone_siena_2013

Niente emozione – “Il momento dell’emozione per i play off l’ho già passato. Mi sentivo emozionato prima di affrontare Montecatini, un ostacolo che l’Affrico ha superato di slancio. Adesso non c’è emozione, ma grande determinazione per arrivare in finale. Siamo ad un passo dall’obiettivo della finale e personalmente mi sento gasato. Ho tantissima voglia di dare il massimo per arrivare a giocarmi la finale. Mi senti così dunque, carico e determinato”.

Da un anno all’altro… – “A distanza di di un anno, le cose all’Affrico sono cambiate radicalmente. Ricordo ancora la scorsa stagione, quando in questo periodo ci stavamo giocando i play out per non retrocedere. Purtroppo quel campionato non è finito bene. Però da quel fallimento è nata una nuova società che ha cambiato tutto. In questo Affrico tutto è diverso. C’è una società più presente, un allenatore con le idee chiare, una squadra costruita con un criterio e dei ruoli definitivi. Ed aggiungo una volontà di aiutarsi fra i giocatori che mi fa essere ottimista. Molto. Ci possiamo togliere ancora tante soddisfazioni”.

Avversario pericoloso – “La ha dimostrato contro Empoli che la classifica ed il fattore campo nei play off contano il giusto. La Virtus ha chiuso alla grande la regular season ed ha eliminato Empoli al primo turno, dimostrando di essere una squadra molto pericolosa. Il nostro obiettivo è quello di far davvero pesare il fattore campo, fin dalla gara-1 di sabato. Come contro Montecatini, dobbiamo subito prenderci un vantaggio nella serie. Non sarà affatto facile perché Siena ha tre senior di alto livello come Alessandri, De Min e Colli e poi tanti giovani molto interessanti”.

Riscatto – “Ricordo molto bene la partita di ritorno. La Virtus è una delle squadre che ha vinto al . Quella fu una serata amara. Venivamo da una settimana devastante. Toppino si era appena rotto il setto nasale, Serena si era fratturato la mano e Lovatti ancora non era arrivato a Firenze. Nonostante l’emergenza però lottammo fino alla fine, rientrando anche da meno sedici fino al meno tre. Poi qualche episodio ci girò contro e la Virtus vinse la partita. L’obiettivo nostro è riscattare quella sconfitta e prenderci l’1-0. Adesso la squadra sta bene. Siamo tutti molto concentrati. La cosa che più mi piace è che ogni giocatore dimostra di essere a disposizione del compagno. Questo fa la differenza e ci può permettere di fare ancora strada in questi play off”.

All Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter