Vaiano ferma Campi Bisenzio, che rimedia anche la sconfitta a tavolino

Vaiano conquista sul campo il derby del Bisenzio fermando la capolista Campi Bisenzio 80-71 prima per vedersi commutare la vittoria a tavolino dal giudice sportivo per una irregolarità nel tesseramento dell’aiuto allenatore di Campi.

La cronaca della gara comunque racconta di un match che si scalda subito con il duello Bacci e Guerrini che guidano entrambe le squadre in un inizio punto a punto. La verve di Bonari dà un limitato vantaggio a Vaiano. Nel secondo quarto Municchi e Torres danno una nuova dimensione all’attacco ospite ma le triple di Ottanelli e le zingarate di Picchi tengono sotto controllo i campigiani nonostante l’infortunio alla mano di Guerrini che non rientrerà più. 41-36 segnail tabellone al riposo.

Al rientro dagli spogliatoi gli attacchi continuano a perforare e la sfida a distanza fra Bonari e Bacci è uno spettacolo. 6 punti di fila di Picchianti a cavallo degli ultimi due quarti permettono a Vaiano  di mantenere il vantaggio inalterato. Si va a braccetto fino ai minuti finali dove ancora Bonari e la precisione di Mariotti ai liberi rispondono a un Torres indemoniato dando il +6 a Vaiano. Poli si infortuna e Picchianti lo sostituisce ma fa 0/2 ai liberi. Torres segna subito da 3 a un minuto poco più dalla fine. Serie di errori, ancora tiri liberi per Mariotti, Campi non segna nonostante catturi tre rimbalzi offensivi e Vaiano porta a casa una partita bellissima con gli ultimi tiri liberi segnati da Poli.

Italcerniere Vaiano 80
Lotar Campi Bisenzio 71

Commutata 20-0 a tavolino

VAIANO: Guerrini 10, Picchianti 6, Ottanelli 12, Poli 5, Picchi 8, Sanesi 2, Mariotti 9, Bonari 26, Gori 2, Bicchi, Parisi. All. Vaiani

CAMPI BISENZIO: Corsi 2, Municchi 13, Paoli, Petri 4, Belardinelli, Ionta, Gallorini, Corti 7, Scaletti 5, Vignozzi 7, Torres 16, Bacci 17. All. Bonetti

Arbitri: Borsani e Mengoli

Per ricevere le ultime news sul basket a Firenze, le anticipazioni e i nostri aggiornamenti prima di tutti, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter
E non dimenticate l’app per Android: scaricala

All Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *