Parla Guarnieri, presidente del Firenze 2: “Ho commesso un errore, lascio libero il ragazzo”

«Ho commesso un errore e sono pronto a concedere lo svincolo al giocatore». A parlare è Marco Guarnieri, presidente del Firenze 2 Basket al centro del caso dei 2.500 euro richiesti per ottenere il cartellino del giovane cestista. Ammette l’errore commesso e puntualizza tutti gli aspetti della questione, fornendo anche la versione della società. «Ho già scritto all’avvocato della famiglia del giovane e comunicato che non rinnoverò il tesseramento del giocatore – dice Guarnieri –. Se la procedura online della Fip non mi consentisse di svolgere questa azione, sono disponibile a cedere il giocatore a qualsiasi società il giocatore voglia».

Un passo indietro per cercare di chiudere una storia poco piacevole, senza passare per avvocati e vie legali. No, questo Guarnieri proprio non lo vuole dopo 35 anni di carriera da dirigente sportivo del Firenze 2.
«Non ho mai speculato sui ragazzi e non l’ho fatto nemmeno questa volta – sottolinea Guarnieri – Non voglio che questa storia abbia ulteriori strascichi e per questo voglio che il giovane si consideri libero e possa andare a giocare a basket dove vuole. Però vorrei precisare alcuni aspetti di questa storia».

Guarnieri così riparla di una vicenda che inizia nel 2018: «Dopo la conclusione della stagione 2017-2018 ho ricevuto da parte dei genitori la richiesta di poter far compiere al ragazzo un’esperienza in un’altra società.
La decisione di concedere il prestito creò a quei tempi dei malumori fra i compagni di squadra e i genitori, azionando una reazione a catena, con altri atleti che chiesero di poter andare a giocare in prestito».
Nell’ultima stagione, complici i movimenti in prestito dei ragazzi, il numero minimo dei giocatori della squadra del Firenze 2 per il campionato venne meno e la società fu costretta a ricorrere a tesserati più piccoli per completare la rosa e poter svolgere le partite.

Siamo arrivati così a giugno 2019, poco più di un mese fa. La situazione cambia e si arriva alle discussioni fra le parti che fanno nascere il caso: «Dopo un anno, a una nuova richiesta di poter portare il ragazzo a giocare
in un’altra società, questa volta ho detto basta – prosegue Guarnieri – Ho sbagliato a chiedere dei soldi per lo svincolo del giocatore, lo ribadisco. La mia volontà era solo di poter tornare a disporre del ragazzo per farlo giocare con i suoi vecchi compagni e tutelare la mia attività sportiva. Siamo una piccola società che paga affitti e ha una gestione sportiva che deve
essere rispettata».
Guarnieri prosegue: «I regolamenti non tutelano le società di piccole dimensioni come la nostra. Curiamo bene il minibasket, poi altre realtà tentano i nostri giovani con promesse che non possiamo permetterci di fare. Sono molto amareggiato da questa vicenda».

Puoi ricevere prima di tutti le nostre news unendoti al canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *