Pallacanestro Firenze, così l’Andrea Costa Imola si prepara all’esordio al PalaCoverciano

Ancora qualche giorno all’avvio del campionato per l’Andrea Costa di scena a Firenze. Giorni durante i quali raccogliere quanto fatto durante la preparazione e affinare gli ultimi dettagli tecnici e tattici in vista dell’esordio di domenica al PalaCoverciano. Giorni intensi che ci racconta Luca Monduzzi sul Resto del Carlino, per Federico Grandi e il suo vice Carlo Dirella, da questa stagione primo assistente.

🚀 Unisciti al canale Telegram
📱 Oppure seguici su Facebook | Instagram | Twitter

«Sono orgoglioso di questo, lo auspicavo essendo cresciuto con il basket e il desiderio di fare l’allenatore – racconta Dirella –. Certo la mole di lavoro è maggiore ma questo ruolo è uno stimolo a fare meglio e cercherò di dare il 110 per cento». La partenza di Mauro Zappi ha lasciato qualche responsabilità: «La preparazione e lo scouting della partita viene fatta in un primo momento da me, quindi porto tutto al capo allenatore che alla fine prende tutte le decisioni. Oltre a questo in allenamento seguo una prima mezz’ora di lavoro sui fondamentali e giochi contro zero», osserva Dirella che, poi, commenta la preparazione della squadra: «Siamo riusciti a lavorare bene. Trattandosi di un gruppo nuovo, a parte Corcelli, Fazzi e Trentin, ci sono meccanismi da creare da zero, con tutte le difficoltà del caso. Mi spiace per gli stop di Marangoni e Barbieri che avevano tantissimo bisogno delle prime settimane di lavoro, soprattutto a livello fisico e di impatto con la categoria. Sono due ragazzi molto interessanti su cui puntiamo molto. Barbieri è tornato a giocare nell’amichevole di Faenza e ha risposto bene mentre per Marangoni vediamo questi giorni; l’importante è che stia bene che non si forzi il rientro».

Dal punto di vista tecnico qualche differenza rispetto all’anno scorso ci sarà. «Il punto di partenza è sempre la difesa – osserva Dirella –, mentre in attacco senza Carnovali magari non avremo chi può mettere la bomba da dieci metri su un piede solo, per cui le responsabilità vanno condivise e questo parte tutto dall’avere fiducia nei compagni. Poi speriamo di essere presto al completo perché con dieci effettivi possiamo fare diverse varianti tattiche e le faremo». Originario dal mondo International, Dirella ha seguito la crescita di Fazzi e non lesina buone parole per i giovani Roli e Spagnoli, aggregati alla squadra. «Credo che Fazzi abbia uno dei primi passi più rapidi del campionato e in lui vedo alcuni aspetti di Cristiano – chiude –, è uno dei pochi che riesce spesso a fare meglio in partita che in allenamento, e si vede quando fa la differenza in campo. È migliorato nella gestione della palla e io che lo seguivo da quando ero assistente nella sua Under 16 sono piacevolmente colpito della sua crescita. Roli e Spagnoli sono ragazzi molto interessanti; sono molto validi sia in allenamento che nei minuti giocati in amichevole».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter
Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter