Riforma dello sport: introdotta la figura del lavoratore sportivo

Entrerà in vigore a luglio 2022 la Riforma del mondo dello sport. Con tutto il suo carico di novità, sta già rivoluzionando alcune parti che lo compongono: andiamo a vedere di preciso di cosa tratta la nuova Riforma dello Sport e in particolare le modifiche riguardanti la figura del lavoratore sportivo.

Come abbiamo detto precedentemente, la Riforma dello Sport – approvata sul filo di lana lo scorso 26 febbraio 2021 (la delega sarebbe scaduta il 28 febbraio) – ha rinnovato profondamente la figura del lavoratore sportivo.

Il lavoratore sportivo – da non confondere con l’amatore sportivo – è definito dall’art 25 come l’atleta, l’istruttore, il direttore tecnico, il preparatore tecnico, il direttore di gara, che esercita l’attività sportiva verso un corrispettivo.

Potrà essere legato alla ASD/SSD, all’EPS (Enti di Promozione Sportiva) e alla FSN (Federazioni Sportive Nazionali) da tutte le tipologie contrattuali previste nel mondo del lavoro (dipendente, collaboratore co.co.co, collaboratore occasionale, lavoratore autonomo) e per ogni forma contrattuale nel decreto è prevista una specifica regolamentazione, con particolare riguardo al lavoro dipendente (art 26) .

La novità sta nel fatto che dal 2022 anche l’atleta dilettante potrà stipulare contratti di lavoro subordinato o autonomo e avrà diritto all’assicurazione previdenziale e assistenziale. Ricordiamo infatti che ai non-professionisti finora non veniva attribuito alcun riconoscimento, tant’è che percepivano solo un rimborso spese o un premio, e che attualmente lo status di lavoratore sportivo è riconosciuto esclusivamente all’atleta che esercita l’attività sportiva a pagamento sotto contratto con una società.

Maggiori dettagli sulle altre novità per le associazioni sportive dilettantistiche che le società sportive dilettantistiche potete trovarli sulle pagine di Sporteams.

Puoi ricevere prima di tutti le nostre news unendoti al canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *