Serie B, occhi puntati sulle sorprese del girone A

La Fulgor Omegna svetta su tutto il girone A, dopo la retrocessione patita a giugno ai play-out in A2 è pronta a riprendersi il primo campionato dilettantistico. Poco da dire, è coperta in ogni ruolo, vedi Simoncelli (play), Gurini (guardia), Dagnello (ala piccola), Fratto (ala grande), Corral (centro). Se starà lontana da infortuni avrà anche una panchina discretamente lunga. Sulla carta le squadre forse più attrezzate potrebbero essere Montecatini, Piombino, Moncalieri e Fiorentina, ma ce ne sono almeno altrettante con un roster in grado di spodestarle. Il campo sarà in grado di risponderci meglio.

Neopromosse

Le due promosse toscane, ovvero Virtus Siena che è ripartita da coach Braccagni (due promozioni consecutive) oltre a sei conferme, tra cui Lenardon e Olleia, aggiungendo a girandola altri acquisti, anche se avranno fuori Imbrò per quattro mesi causa studio. Al Pino Dragons hanno perso a loro volta Rabaglietti, senz’altro il giocatore franchigia, ma non si sono fasciati la testa e hanno messo in mano a Salvetti giovani del 1997 promettenti e hanno pescato dal mercato Magini, Terenzi, Marmugi e Galmarini. La nuova Vinavil DomoBasket avrà ancora Foti all’ottava stagione in Piemonte (10.4 punti e 4.2 assist di media la scorsa stagione) e Realini ala piccola del quintetto (per lui 15 segnati a partita) reduci della promozione. La carica dell’ambiente è tanta, è la prima volta in B nei 38 anni di storia societaria.

Top player

Ritorna a casa Guido Meini e continua la sua discesa dopo un’annata sfortunata a Roma. Playmaker chirurgico in arresto e tiro, in carriera nei campionati dilettantistici ha ottime percentuali sia dall’arco (39%) che da due punti (46%), che potrebbero aumentare in B così come gli assist (3 a sera in A2) per i compagni di Montecatini. Simone Bonfiglio giunge a Piombino per vestire la sua 13esima squadra da professionista. Il giramondo di Cento è un tiratore mortifero anche sotto pressione, ha polpastrelli sensibili per una rubata o un assist (lo scorso anno a Roma 1.5 passaggi smarcanti a sera in 15’). Federico Bolzonella è un must per la categoria, negli ultimi tre anni (tra Latina e gli ultimi due a Varese) non è mai andato sotto i 13 punti di media, è un play estremamente fisico (80kg per 185cm), capace di andare più di una volta anche lo scorso anno vicino alla tripla doppia (ha chiuso l’anno a 18 punti, 4.6 rimbalzi e 3.3 assist). Altro volto noto di categoria è Davide Poltroneri, attaccante concreto e preciso (l’anno scorso ad Udine a 10 di media) capace di giocare anche spalle a canestro, un’ala piccola che sa difendere su più ruoli grazie alla struttura fisica e un fluido movimento di piedi.

Giovani

Nicola Savoldelli (‘97) sarà il playmaker titolare di una giovanissima Valsesia, in prestito da Treviglio che lo ha blindato con un triennale lo scorso anno reduce da una stagione in A2 dove ha giocato poco, buon passatore ma con medie basse al tiro. Flavio Gay (’98) in estate è stato uno dei migliori giocatori del mondiale 3×3. Un giocatore da campetto, da layup estemporanei e un buon range di tiro, sebbene debba mettere su qualche chilo in muscolatura. Ricky Cattapan (’97), interessante centro di 212 cm del 1997, alla seconda stagione a Moncalieri (in regular season ha tirato col 57% dal campo prendendo 4 rimbalzi). Giordano Pagani (’98) è alla seconda stagione in B, ala-pivot 205 cm per 100 kg nel giro delle nazionali giovanili e prodotto varesino; potrebbe avere un minutaggio raddoppiato rispetto alla scorsa annata.

da Basketmagazine di settembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter