Basket Serie B, Pino Dragons ko a Livorno (84-74)

La All Food Enic rimedia il terzo stop consecutivo e cade (84-74) a Livorno. Vince la Libertas, grazie ad un ultimo quarto in cui sfrutta uomini e rotazioni in abbondanza rispetto al Pino Dragons, privo di Poltroneri e Passoni, che ha davvero dato tutto. Marchini e Casella decisivi nella sponda Libertas, mentre per il Pino da segnalare Merlo, Filippi e il giovane Forzieri.

Leggi tutte le news sulla Serie B – clicca qui

La cronaca. Primo quarto a punteggio alto. La Libertas parte bene, puntando forte sui lunghi Ammannato e Castelli (11-3). La risposta del Pino al tentativo rapido di fuga livornese è armata da Forzieri e Filippi  (11-10). La zona proposta dal Pino viene interpretata bene dalla Officine Opus, che muove bene la palla e trova punti facili da Casella. L’esterno in un attimo si accende e piazza sette punti consecutivi che mettono le ali alla Libertas che tenta di nuovo di allungare. Segnano di nuovo Ammannato, poi due triple di Salvadori e Marchini ed ecco servito il +12 (28-16 all’8’). E’ il primo momento di difficoltà per il Pino che reagisce a cavallo fra primo e secondo quarto, aggrappandosi all’esperienza di Bruni e a Merlo (32-26 al 13’). Prima dell’intervallo la Libertas ci riprova; sempre Casella protagonista per il nuovo +13 (42-29 al 15’). Anche a questo giro però il Pino non molla la scia e rientra subito a contatto. Marotta è prezioso dalla panchina, arrivano altri punti da Bruni e De Gregori e così all’intervallo il punteggio resta apertissimo (44-41).

Il terzo quarto è il tempino migliore della All Food Enic che non solo rimane a contatto, ma mette anche la testa avanti per ben quattro volte. La prima con Filippi (51-53 al 24’), poi con le triple firmate da Filippi (54-56) e Merlo (57-59 al 26’). L’ultimo vantaggio esterno arriva con un libero di Filippi (59-60 al 27’). E’ il massimo sforzo per i biancorossi, da applaudire per il coraggio espresso in questa situazione di emergenza. Di più non si può davvero fare. Alla lunga la Libertas allunga davvero le mani sulla partita, sfruttando le rotazioni più ampie e la maggiore tecnica. Il break decisivo prende corpo negli ultimi tre minuti del terzo quarto. Sale l’intensità difensiva, il Pino inizia a battere in testa in attacco e puntuale ecco le prime sportellate della Libertas. Marchini è decisivo con due canestri pesanti, l’ultimo vale il +13 (73-60 al 32’). Questa volta il Pino non ha la forza per potersi rialzare. La spia della riserva lampeggia a più non posso. De Gregori e Merlo ci provano fino all’ultimo, ma la Libertas non si volta più indietro. Ultimo sussulto biancorosso negli ultimi due minuti. Sull’80-74 Merlo sbaglia la tripla in uscita dai blocchi per accendere la volata finale in extremis. Il finale (84-74) è lo specchio di una gara che riflette i valori in campo e dalla quale il Pino, vista la situazione dell’infermeria, esce a testa alta.

Opus Livorno 84
All Food Enic Firenze 74

OPUS LIBERTAS LIVORNO: Ammannato 16 (6/11, 0/5), Toniato 8 (1/2, 2/2), Castelli 13 (5/8, 1/4), Ricci 5 (0/3, 1/2), Casella 21 (6/6, 2/3), Forti (0/6 da 3), Salvadori 7 (1/5, 1/2), Marchini 14 (1/3, 4/6), Geromin ne, Onojaife ne, Bonaccorsi ne, Mancini ne. All. Garelli

ALL FOOD ENIC FIRENZE: Forzieri 9 (3/3, 1/2), De Gregori 10 (4/6 da 2), Merlo 22 (2/5, 4/10), Filippi 15 (5/10, 1/2), Bruni 11 (1/3, 2/4), Goretti 1 (0/2 da 2), Corradossi (0/2 da 2), Marotta 6 (1/2, 1/3), Pracchia, Borsetti, Passoni ne, Poltroneri ne. All. Del Re

Parziali: 28-20, 44-41, 65-60.
Arbitri: Barra e Cassinadri
Statistiche complete

Puoi ricevere prima di tutti le nostre news unendoti al canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *