Nuovo stop esterno per il Pino che cade a Livorno

Libertas Liburnia Basket-Enic Firenze 67-64

LIBERTAS LIBURNIA BASKET: Congedo 2, Armillei 24, Giusti, Nesti 12, Dell’Agnello 12, Del Canto 10, Tonarini 7, Maltinti, Montauti ne, Brunelli ne. All.: Pardini.

ENIC FIRENZE: Marchini 13, Rabaglietti 21, Mariani 5, Santomieri 7, Dionisi, Puccioni 9, Marotta 4, Zanussi 3, Beconcini 2, Merlo ne. All.: Salvetti.

ARBITRI: Chiarugi e Vallario.
PARZIALI: 13-20, 28-34, 50-49.
NOTE – Tiri liberi: Liburnia 14/17, Enic 9/12. Usciti per 5 falli: nessuno.

Nuovo stop imprevisto quanto pesante per l’Enic Firenze che cade a Livorno. Come a Carrara, contro un’altra squadra come la Libertas Liburnia priva di qualsiasi stimolo legato alla classifica, la squadra di Lapo Salvetti rimedia un k.o. pesante nella corsa ai primi tre posti del girone E. A cinque giornate dalla fine della regular season, l’Enic è stata agganciata al terzo posto da Virtus Siena e Certaldo, mentre la capolista Blukart San Miniato è ora a +6.
Continua ad essere preoccupante l’andamento dell’Enic lontano dal PalaCoverciano. Un andamento non da squadra che vuole gli spareggi per la promozione in Serie B. La vittoria “opaca” ottenuta contro Pontedera era stato un segnale del momento “così così” dei gigliati. La Liburnia, con una ripresa tonica e di grande sostanza, ha di nuovo messo in mostra i limiti di un Pino che ha comandato per tre quarti e mezzo, senza però riuscire a trovare il break giusto per spaccare la partita. La Liburnia, che rinunciava a Visigalli e faceva esordire Nesti, riusciva a mettere le mani sulla partita grazie ad una volata azionata negli ultimi due minuti della partita. Rabaglietti dalla lunetta portava il Pino sul +4 (60-64 -1’49’’). Una bomba di Del Canto accendeva la Palestra Gemini. Dall’altra parte, prima Beconcini veniva stoppato, poi Rabaglietti commetteva fallo in attacco. Sul fallo di Mariani, Armillei piazzava la coppia di liberi del sorpasso (65-64 -33’’). Ancora Rabaglietti sbagliava un tiro dalla media. Di Armillei i liberi del +3, a cui Beconcini non sapeva rispondere dalla lunga distanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter