Rimini espugna il campo di Castelfiorentino

Una ABC decimata dalle assenze e in piena emergenza è costretta a lasciare a Rimini il pass per espugnare il perdendo per strada due punti che avrebbero potuto avvicinarla al treno delle prime della classe. Un niente di fatto che, se da un lato fa calare un con d’ombra sul buon inizio di questo girone di ritorno, dall’altro è anche vero che le assenze e le difficoltà di quest’ultima settimana si sono chiaramente riversate sul campo questa sera.

All’assenza del playmaker titolare Alessandro Procacci, fermo a causa di uno strappo muscolare, si è infatti aggiunta quella di Francisco Alloatti, che durante la seduta di allenamento di giovedì ha riportato la frattura del setto nasale e siamo adesso in crabs_rimini_enegan_affrico_2012_basketattesa di sapere modi e tempi di recupero (domattina gli accertamenti). Inoltre ad Andrea Tommei, a causa del taglio al sopracciglio procuratosi domenica scorsa a Civitanova Marche, sono stati apposti quattro punti di sutura che hanno costretto l’esterno gialloblu a saltare l’intera settimana di allenamenti onde evitare brutte ricadute, e tornare in campo soltanto questa sera. Se a questi aggiungiamo i piccoli stop di Zani e Squarcina che si sono susseguiti durante la settimana, è chiaro che l’ABC sia giunta al match contro Rimini in piena emergenza. Nono e decimo in panchina due giovanissimi classe 1997: Giovanni Corbinelli, che ha debuttato in campo gli ultimi 30’’, e Gianmarco Gronchi, al suo esordio sulla panchina di DNB.

Già alla vigilia era dunque chiaro che non sarebbe stato semplice, ma nonostante tutto si trattava di una gara che avremmo potuto portare a casa, o quantomeno giocarci punto a punto fino al 40° minuto. Invece, la maggior determinazione dei nostri avversari, privi di Tassinari squalificato sabato scorso a Empoli, e una prova opaca dei “reduci” gialloblu, hanno fatto il resto e condotto ad un finale davvero amaro. Punto di svolta, un terzo quarto completamente da dimenticare: un parziale di 9-21 ha infatti permesso agli uomini di Ambrassa di allungare e gestire poi al meglio nell’ultima frazione.

Adesso, con la consapevolezza che le difficoltà  dovute a un’infermeria ormai strapiena non potranno risolversi nel giro di pochi giorni, dobbiamo assolutamente tornare a far quadrato intorno all’emergenza e a mettere in campo quel qualcosa in più che solo ci permetterà di riprendere la corsa. A partire già da domenica quando torneremo nuovamente al ospitando la Virtus Siena.

Avvio di gara con il freno a mano tirato per l’ABC, tanto che Rimini ne approfitta prendendo subito un primo margine (7-11). I gialloblu tornano avanti con il neo acquisto Giacchetta, al suo debutto in campo con la maglia castellana, e capitan Zani (15-14). Due canestri consecutivi di Curcio ristabiliscono il +3 ospite (15-18), ma Tommei risponde per il nuovo -1 (17-18). Sulla sirena la tripla di Silvestrini chiude la frazione sul +4 Rimini (17-21).

In apertura di secondo quarto Silvestrini e Hassan siglano il +8 (17-25), ma l’ABC torna a -2 con i canestri di Squarcina e Venucci (29-31). Hassan dall’arco ristabilisce il +5 (29-34), ma a 45’’ allo scadere l’antisportivo di Bosio manda Zani in lunetta seguito da Puccioni: 3/4 e si va all’intervallo lungo con l’ABC che segue a -2 (37-39).

Al rientro dagli spogliatoi la svolta: i Crabs affondano un parziale di 9-21 che permette a Rimini di prendere in mano l’inerzia del match e  poi mantenerla fino al termine. Ad aprire le danze è il solito Hassan, seguito da Bosio e Silvestrini: break di 0-11 e Rimini scappa a +14 (44-58). Zani rompe il digiuno (46-58 con 2’30’’ da giocare), ma gli ospiti gestiscono e la frazione si chiude sul 46-60.

Al via l’ultimo quarto. Buona partenza dei gialloblu che trovano il -9 con Puccioni e Venucci (51-60). Ma Rimini non molla e con Gabellieri e Silvestrini firma il massimo vantaggio (53-70). Montagnani prova a rianimare le speranze castellane (58-72 con 2’42’’ da giocare), ma gli ospiti sono bravi ad amministrare e sul suono della sirena il verdetto è di quelli che fanno davvero male: 63-78, e espugnato.

Giusto il tempo di riflettere sugli errori commessi e poi voltare pagina: c’è bisogno di trovare la forza per superare questo momento tutt’altro che semplice e prepararsi ad un’altra grande battaglia il cui finale dovrà tingersi di gialloblu. Sguardo rivolto al prossimo avversario: domenica arriva la Virtus Siena e noi non possiamo sbagliare.

– BASKET RIMINI CRABS 63 – 78

: Montagnani 21 (5/12, 1/7), Tommei 7 (2/7, 1/3), Belli (0/1, 0/0), Zani 9 (2/5, 0/2), Squarcina 11 (2/7, 2/3), Venucci 6 (3/5, 0/1), Corbinelli, Gronchi ne, Puccioni 7 (2/7, 0/0), Giacchetta 2 (1/4, 0/0). Allenatore: Angelucci.

Basket Rimini Crabs: Bosio 13 (6/13, 0/2), Curcio 9 (3/4, 1/1), Scrima (0/1, 0/1), Aglio ne, Silvestrini 15 (4/6, 1/4), Hassan 23 (4/8, 2/9), Brighi 3 (0/2, 1/3), Marengo 2 (1/3, 0/0), Squeo 8 (3/4, 0/0), Gabellieri 5 (1/4, 1/5). Allenatore: Ambrassa.

Parziali: 17-21; 20-18 (37-39); 9-21 (46-60); 17-18 (63-78)

Arbitri: Sansone Alessio, Bongiorni Andrea

Note:
Tiri: ABC 17/26 (65%, di cui 17/48 da due, 4/16 da tre) – Rimini 28/70 (40%, di cui 22/45 da due, 6/25 da tre)
Tiri liberi: ABC 17/26 (65%) – Rimini 16/20 (80%)
Rimbalzi: ABC 41 (29 dif, 12 off) – Rimini 47 (35 dif, 12 off)
Palle perse: ABC 13 (rec. 16) – Rimini 16 (rec. 14)
Assist: ABC 9 – Rimini 13
Stoppate: ABC 3 – Rimini 1
Cinque falli: Tommei, Puccioni (ABC), Squeo (Rimini)

fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter