Grosseto e Campi davanti al gruppo delle inseguitrici ad un mese dalla pausa natalizia

Ultimo mese di gare per il campionato di Serie D prima della meritata pausa natalizia. Rispetto al power ranking di Ottobre non hanno deluso le aspettative Grosseto e Campi Bisenzio (nella foto), le due squadre si trovano saldamente nelle zone alte della classifica e si incontreranno per la prima volta alla Campi Arena il 15 dicembre. I due roster sono apparsi avere qualità maggiore rispetto alle altre contendenti al primo posto, come certificano le statistiche del duo Roberti-Perin (lo scorso anno vincitori del campionato di C Silver a San Vincenzo) e l’ultima spettacolare performance di Leonardo Corsi, classe ’98, miglior under della serie D 2017-18, che ha rifiutato tante offerte dalle C Gold limitrofe pur di rimanere nell’isola felice di Campi.

Risale la china invece Poggibonsi che ringrazia l’asse Moroni-Golini per il buzzer beater che regala il successo sul campo di Asciano. Una vittoria che oltre ai canonici due punti, è un toccasana per il morale dei giallorossi, partiti con una squadra nuova ma talentuosa che ha fatto fatica a conoscersi in un primo momento ma inizia a raccogliere i frutti del lavoro in palestra. Successo importante invece per la Sestese nel bunker del Calamandrei che dopo un inizio d istagione non felice è corsa ai ripari spendendo il jolly aggiuntivo per un senior, inserendo Ciro Conte, esterno con un passato di valore tra le Serie C campano-abruzzesi di Benevento e San Severo. L’esterno biancoblu, top scorer nel match contro Club Biancoverde, ha guidato i suoi alla quinta vittoria consecutiva. Trend tutt’altro che positivo per i ragazzi di Coverciano, che dopo il mercato estivo e i risultati della scorsa stagione erano e rimangono tra le favorite se al netto di tutti gli effettivi. Barreca, si era infortunato al crociato la prima di campionato, Balloni è rientrato nei ranghi a differenza di Beconcini ma nel mentre è Bambi ad avere problemi alla schiena, a tutto questo si aggiunge anche il turn-over dei senior, per raggiunto limite in lista R. Turn-over che affligge anche Valdambra, sconfitta al PalaAffrico, pur dovendo contare le assenze di Bies, Pavese e Cacioli nel reparto lunghi. Imprecisi dalla linea del tiro libero sabato sera non è bastato il solo Stagi, con Tello per la prima volta sotto la doppia cifra nel tabellino personale. Per i biancoblu di Viale Fanti, rimane aperta la striscia di 3 vittorie consecutive, probabilmente destinata a chiudersi visto il calendario (Grosseto e Campi in sequenza) ma che nel frattempo ha regalato punti importanti in chiave salvezza. Due punti d’oro li ha conquistati anche Calenzano che alla Mascagni batte uno dei top team del girone, Certaldo, che paga a caro prezzo l’approccio alla partita, non riuscendo a recuperare lo svantaggio maturato nel primo quarto. Ora i gialloneri recuperano una poszione, superando i Jokers che seppur sconfitti, sono stati vicini al colpaccio in casa di Grosseto. L’ingresso nelle rotazioni di coach Nudo di Marco Tarchi, ala classe ’96 sceso dalla C Gold della società gialloblu, è una boccata di aria fresca in entrambe le metà campo, sarà un rebus da risolvere per la difesa di Laurenziana, prossima avversaria. Sarà un derby caldo e intenso, da non perdere, non solo per la rivalità ufficiale tra le due società ma anche per i confronti diretti tra i vari componenti, primo fra tutti quello tra i due coach, legatissimi fuori dal campo e con la casacca degli “azzurri” al piazzale ma per un pomeriggio acerrimi nemici. Se i Jokers arrivano al derby da cinque KO di fila invece Laurenziana si presenterà forte del successo esterno sul campo di Vaiano, in una gara che ha visto i biancorossi condurre nel punteggio per tutta la durata dell’incontro, dimostrando anche i miglioramenti sotto il piano di vista mentale (oltre che tecnici) di una squadra ringiovanita nell’ultima estate.

Tutte le news della Serie D qui

Chiude la giornata la prima vittoria di Firenze 2, nello scontro diretto contro Castelfiorentino. I ragazzi di coach Visani hanno finalmente tolto lo zero dalla casella punti grazie al solito duo Bargi-Papini, una coppia che mixa l’esperienza dell’ala classe ’87, che sabato oltre ai 17 punti ha catturato anche 10 rimbalzi e subito 7 falli, al giovane ed esuberante talento della guardia scuola Sancat-Fiorentina, classe 2000, Gabriele Bargi autore di una prova maiuscola: 22 punti con solo due errori al tiro dal pitturato conditi anche da 9 rimbalzi e 7 recuperi.
Sicuramente uno dei candidati al premio “miglior Under Serie D 2018-19”, oltre a lui tra i millenials ottimo impatto alla prima stagione da senior anche per Lorenzo Bellachioma (Poggibonsi), prodotto casalingo che ha fatto 4 anni alla Mens Sana, fresco del quarto posto alle ultime finali nazionali sta viaggiando a 9 punti di media. Con la stessa maglia invece anche Saverio Maestrini si sta mettendo in luce guadagnando sempre più minuti. Da tenere sott’occhio anche Turini (’01 – Castelfiorentino, 8.6 ppg) e i suoi compagni di squadra Calamassi e Ticciati, impegnati però anche nel campionato di C Gold, al pari di Mattia Rosi, guardia classe ’00 di Legnaia. Tra i legnaioli “occhio di bue” anche su Bonoli, mentre tra le altre fiorentine occhi puntati su Petri (Campi Bisenzio), Cellai (Calenzano), Carcasci (Laurenziana) e Simoncini (Affrico).

Rettifica ore 11:25
Lorenzo Bellachioma è prodotto del settore giovanile di Poggibonsi e non della Mens Sana Siena.

Per ricevere le ultime news sul basket a Firenze, le anticipazioni e i nostri aggiornamenti prima di tutti, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter
E non dimenticare la nostra app Android.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter