Il girone B senza pace, i casi Lecco e Hawkins agitano gli animi

C’è un po’ di agitazione nel girone B di Serie B dirimpettaio di quello “toscano” visti i recenti accadimenti relativi alla squadra di Lecco. I lombardi infatti hanno giocato la prima di campionato con la squadra under perchè non risultavano consegnati alla data prevista, i contratti dei giocatori senior, regalando di fatto intanto una vittoria facile a Rimini. Non è stato ancora chiarito se i contratti non sono stati depositati per dimenticanza o c’è stato un problema tecnico di trasmissione, fatto sta che è stata l’unica delle 64 partecipanti alla Serie B ad avere questo problema. Il Consiglio Federale Fip però, ha deciso per la clemenza e creando un pericoloso precedente, ha graziato la Gimar, concedendogli i tesseramenti ma cancellandogli la possibilità di fare mercato nelle finestre previste in questa stagione.

La decisione del Consiglio Federale ha scatenato i forti malumori di diverse altre società che chiedevano il rispetto de regolamento, e che averebbe visto Lecco passare da “stella” del girone visto il roster, a squadra in forte difficoltà, potendo solo schierare under e al massimo tesserare tre senior lungo il cammino del campionato. Chi arriverà al pari di Rimini si sentirà defraudato per esempio, senza contare chi sarà scalzato da Lecco in classifica, con qualcuno che già sventola la bandiera del ricorso al TAR per farsi giustizia. Il girone B, per noi toscani è interessante perchè è con quello che anche questa stagione ci saranno gli incroci ai playoff, esattamente come nella passata stagione.

Ad gettare benzina sul fuoco il possibile tesseramento di da parte della Bakery Piacenza. L’ex stella trentaquattrenne statunitense potrebbe giocare in B, ma ci sono già delle controversie non chiarite sul fatto che sia rispettata la regola che abbia giocato almeno 8 stagioni in Italia. Per alcuni ne mancherebbe una all’appello, per Piacenza invece sarebbe tutto ok.

Comments are closed.

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter