Presentazione Fiorentina: “Progetto pluriennale per riportare Firenze nel basket che conta”

Firenze – Si apre ufficialmente il sipario della nuova Fiorentina Basket, con la conferenza stampa di presentazione tenutasi a Palazzo Vecchio. La sala è stata riempita velocemente da appassionati, presidenti di società cestistiche della provincia e personaggi delle istituzioni. Per l’anno terzo i Viola hanno puntato sulla continuità e sul radicamento nel territorio fiorentino, in modo da diventare un centro aperto ad ogni tipo di collaborazione su vari versanti, da quello tecnico a quello degli sponsor.

Durante la presentazione ha incominciato a parlare Andrea Vannucci, Assessore allo Sport del Comune di Firenze, soddisfatto di come stanno arrivando gli investimenti nel basket gigliato e della vetrina per il pubblico che potrà essere la Final Eight a Firenze. Dopo di lui la parola è passata ad Eugenio Giani, nel ruolo di Presidente CONI provinciale di Firenze, che fa notare come intorno alla Fiorentina stiano girando tutte le figure giuste dello sport fiorentino e non solo, viatico necessario per riportare Firenze ad un alto livello di competitività.

Guarda le nostre interviste video: Piacenti, Niccolai, Fagotti e Berti.

Massimo Piacenti

Quindi è stato il momento del presidente viola Massimo Piacenti che ha fatto alcuni annunci, spiegando il suo progetto: “Punto ad avere una squadra che sia di riferimento per questo sport a cominciare dai settori giovanili, ma questo non posso farlo solo con le mie risorse. Per questo annuncio anche che lunedì a Villa Arrivabene nella sede del quartiere 2 faremo una presentazione dedicato agli sponsor, con anche il ministro dello sport Luca Lotti. Vogliamo fare il salto e riportare un gran basket a Firenze, per questo noi mettiamo a disposizione un’intelaiatura solida, staff e giocatori. Quest’anno metteremo radici a Firenze con i giovani, ma siamo aperti a collaborazione, vogliamo aggregare sempre più società e chissà in futuro unirsi con il Pino Dragons, una delle più importanti società cestistiche della città. Dunque abbiamo un progetto pluriennale, con tempi che potranno essere flessibili. Speriamo inoltre di vedere tanti tifosi che accorrano numerosi a san Marcellino perché c’è tanto bisogno anche di loro. Potremo iniziare a scrivere una pagina importante del basket fiorentino.”.

Ha parlato anche dello staff che accompagnerà questa avventura bianco-viola, per l’area tecnica e del business: “Niccolai fa per noi perché sarà il responsabile dell’area tecnica, mentre Fagotti, compagno della prima ora, si occuperà della questione amministrativa e del marketing. La squadra è stata decisa da Niccolai, con una sua coerenza e con tre giocatori già sperimentati e confermati, poniamo l’obiettivo di entrare nei playoff a fine campionato.”

Andrea Niccolai

Lo stesso Pierguidi ha rimarcato la questione giovanili: “Siamo sì affiliati alla Fiorentina per il vivaio, ma la Sancat non è concorrente perché possono tutti, se lo vogliono, promuoversi con la Fiorentina basket”. Quest’anno inoltre la Fiorentina avrà sulla maglia anche lo stemma della Fondazione Tommasino Bacciotti, con Paolo Bacciotti che ha ribadito il ringraziamento per questa iniziativa e collaborazione.

Con coach Andrea Niccolai arriva il momento di parlare effettivamente di pallacanestro giocata. La squadra costruita e scelta da lui è futuribile, con una grande possibilità di crescita. E’ proprio la parola costruire su cui preferisce soffermarsi, perché a livello tecnico-organizzative l’idea è quella di portare nel basket il credo imprenditoriale di Piacenti, cioè piccoli passi e concretezza. Al momento come detto l’obiettivo societario sono i playoff, ma la speranza del tecnico è quella di avere presto la pressione di giocare per andare in serie A2.

Antonio Fagotti

Ed infine il General Manager Antonio Fagotti, breve ma conciso: “Firenze ha sprecato tante possibilità per tornare nel basket che conta, Piacenti è un’altra importante prospettiva che si presenta in città e vorrei davvero che non vada sprecata. E’ vero ci saranno le Final Eight in città ma sono dispiaciuto, perché la Fiorentina non ci sarà a giocarle. Ecco vorrei che fra qualche anno ci fosse anche questa squadra, questa città a rappresentare i colori gigliati ma per questo dobbiamo lavorare duro tutti assieme”.

Comments are closed.

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter