Laurenziana cuore e orgoglio, Meloria deve piegarsi in gara 1

Gran gara 1 per la Laurenziana che strappa la vittoria a Meloria. Labronici sempre avanti cedono al nervosismo nel finale e ad una Laurenziana orgogliosa e carica che vuole proprio salire in C.

Il Mattioli è vestito a festa, come nelle occasioni di gala, bandiere, striscioni e tamburi decorano il muro biancorosso fatto di famiglie, bambini e appassionati. La partenza dei biancorossi è subito lampo creando un parziale di 6-0, la risposta della forte Meloria però non si fa attendere e con un super Bargelli (10 punti nel 1° quarto) prima recupera e poi allunga sul 20-25.
In avvio di quarto la Laurenziana cambia la difesa e toglie un po’ di certezze alla squadra di coach Angiolini costringendolo a un time-out sul 25-25 dopo 2’40” di gioco, il coach livornese si mette a zona 2-3 togliendo ritmo ai fiorentini e ritrova il vantaggio di 5 punti quando mancano 30″ alla fine del tempino, poi una bomba di Becattini e 2/2 dalla lunetta di boschi riportano tutto in partità a 4″ dalla fine quando Storti si inventa un buzzer beater da 13 mt di tabella che manda in vantaggio negli spogliatoi gli ospiti sul 38-41.

 

Nel terzo quarto Meloria prova una nuova fuga ma le bombe in successione di Bardini, Mendico e Boschi tengono i biancorossi sulla linea di galleggiamento nascondendo così qualche problema di circolazione di palla che è stata un po’ il cruccio di tutta la partita della squadra di casa, la barca regge ma il punteggio dopo 5 minuti del terzo quarto è sul 48-56. Nervi tesi a questo punto in casa Laurenziana con un litigio in panchina che scuote la squadre e anche il pubblico, ne approfitta Meloria che in 3 azioni si porta sul 50-61 dando più che una spallata al match.

Laurenziana in uno stato emotivo sicuramente scosso, barcolla, ma con cuore e orgoglio riesce a ritrovare ritmo in difesa e a concedere solo 2 punti ai biancoblu poi in attacco l’esperienza di Scarselli, Bernardelli e il talento di Mendico ricuciono lo strappo fino al 61-63 di fine quarto. Si arriva così a 10 minuti dalla fine con Storti che si carica i suoi sulle spalle e strappa ancora una volta la partita, portando il match sul 68-76 a 5’23” facendo pensare ormai a un tracollo biancorosso sempre più prossimo, ma il cambio di difesa paga ancora una volta e i fiorentini possesso dopo possesso recuperano palloni costringendo coach Angiolini a un nuovo timeout sul 73/76 a 3’11” dalla fine e con la partita nuovamente in bilico.

Gli ultimi minuti sono incredibili con le due squadre che lottano come pugili sfiniti sul ring, ed è ancora il più giovane di tutti, Mendico, a trovare 5 punti di puro talento e il più vecchio, Bernardelli, a tramutare due rimbalzi in attacco in 4 preziosissimi punti e segnare il sorpasso 79/78 a 43″ dalla fine.
Ancora timeout degli ospiti ma la scelta di tiro di Bargelli è affrettata e un 4/4 ai liberi di Bernardelli e Mendico chiudono il match, regalando la vittoria alla Laurenziana che adesso andrà giovedì a Livorno per provare a vincere il campionato.

Laurenziana 84
Meloria Livorno 78

Laurenziana: Pini 11, Mendico 17, Becattini 4, Berti, Scarselli 23, Bardini 10, Naldi, Bernardelli 12, Mannelli, Calamai 2, De Peverelli, Boschi 5. Coach Paoletti – Calamai

Meloria: Bargelli 28, Storti 21, Giua 2, Innocenti, Pasquinelli 4, Vortici 6, Raffaelli, Marini 7, Barsotti 8, Ciardi, Bonciani 2. Coach Angiolini

Comments are closed.