Legnaia perde gara 2, troppa tensione e Altopascio ne approfitta

Dopo aver vinto domenica scorsa gara 1 in trasferta, la Cantini Lorano Legnaia perde in casa consentendo alla Bama di pareggiare i conti e di portare così la serie sull’1-1. La decisiva gara 3 si giocherà mercoledì 3 maggio alle 21:15 a Ponte Buggianese.

Inizio di partita a ritmo blando con le due squadre che paiono contratte, vista l’importanza della partita. A 7’18”, quindi dopo quasi 3 minuti di gioco la partita è sempre sul 2-2, poi gli ospiti, ben guidati in campo da un Fiorindi in gran forma, iniziano a segnare sia dalla breve che dalla lunga distanza, con i ragazzi di coach Zanardo che rispondono colpo su colpo, soprattutto grazie a Malalan, il più freddo fra i suoi. La prima frazione si chiude con un punteggio basso: 12-13.

Secondo quarto con l’Olimpia schierata a uomo, una soluzione che viene abbandonata presto per passare alla consueta difesa a zona 2-3. I risultati paiono positivi per i gialloblu che, prima raggiungono sul 17-17 grazie a un tiro da 3 di Zani, poi raggiungono il massimo vantaggio 21-17 a 6’39. Da questo momento l’inerzia della partita cambia anche perchè i rosablu iniziano a segnare da fuori, mentre i gialloblu non riescono a concretizzare i tanti tiri aperti. mette a segno un break di 11-0 che spacca in due la partita. A 3’08 il tabellone segna 21-28. Si va al riposo con i ragazzi di Tonti avanti di 5: 26-31, un risultato che lascia la partita aperta a ogni soluzione, ma con Legnaia nei guai per quanto riguarda la situazione falli, visto che Temoka e Zani ne hanno già collezionati 3 a testa.

Nella terza frazione fa registrare un parziale di 8-17. Troppi gli errori al tiro da pare della Cantini Lorano. A fine partite le statistiche non sono bellissime per i locali: 10 su 32 da 2 (31%) e 5 su 31 da 3 (16%).

Quando inizia l’ultimo quarto Legnaia è sotto di 14 e la solida difesa altopasciese lascia pochi spazi ai ragazzi di Zanardo, che comunque, generosamente tentano la rimonta sostenuti da un pubblico caldissimo. A 5’31” dalla sirena Temoka esce per 5 falli sul risultato di 41-50, un brutto colpo per Legnaia che termine qui la sua rincorsa. Da qui in poi i lucchesi hanno vita facile, gestiscono la partita senza rischiare più niente, con Cappa che si distingue su tutti, a referto 9 punti e 3 rimbalzi per lui, ma soprattutto ben 5 falli subiti, un giocatore utilissimo nell’economia di gioco di coach Tonti. Finisce 49-66 con l’Olimpia che si consola con la superiorità sotto canestro: 43 rimbalzi conquistati contro i 38 degli avversari. Un fattore che potrebbe tornare utile mercoledì sera in gara 3, quando la delusione per questa sconfitta dovrebbe essere già dimenticata.

Cantini Lorano Legnaia 49
Bama 66

LEGNAIA: Zani 11, Temoka 4, Rosi, Nardi 8, Malalan 10, Vienni ne, Ademollo Andrea 4, Dozzani, Conti 2, Tarchi Marco, Del Secco, Cambi 10. Coach: Zanardo.

: Fiorindi 11, Baroncelli 11, Cappa 9, Parrini 3, Vannini 15, Pellicciotti ne, Mazzanti ne, Rosanta ne, Calderano, Siena 7, Trillò 5. Coach: Tonti

Parziali: 12-13, 26-31, 34-48, 49-66
Arbitri: Orlandini e Corso

Comments are closed.

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter