L’Enic si mangia Sarzana ed avvisa Sestu. Con questo passo la Serie B non è un sogno

Tutto facile per l’Enic Firenze che non trema, sbanca d’autorità Sarzana e mantiene la scia di Sestu. Bella prova di forza della squadra di Lapo Salvetti, che dimostra di avere fame e voglia di Serie B. Dopo il passo falso contro Sestu di dieci giorni fa, l’Enic si rimette in corsa per il primo posto del girone A della . Vincere a La Spezia contro Sarzana rappresentava la base per qualsiasi progetto futuro. Missione compiuta.
Enic tosta e determinata fin dall’avvio, contraddistinto da un ottimo approccio di Puccioni (2-11 al 5’). Sarzana prova rimanere aggrappata al solo Bencaster, ma scivola rapidamente sul -13 (26-39) sul contropiede con schiacciata di Passoni. Il +7 dell’intervallo diventa subito +2 perché Sarzana inaugura molto bene la ripresa con un illusorio 5-0 (38-40). Dopo un primo tempo senza punti, si sveglia Filippi che guida insieme a Passoni e Santomieri l’allungo decisivo che porta al +14 (45-59 del 30’). Sarzana ormai è in rottura prolungata e si innervosisce: ne fa le spese Bencaster, che si becca il secondo fallo tecnico e finisce negli spogliatoi con 6’37’’ ancora da giocare. E’ il segnale della resa definitiva dei liguri; l’Enic amministra bene. Sabato al PalaCoverciano si replica, con la prima giornata del girone di ritorno. La caccia a Sestu dei biancorossi è appena iniziata.

Le pagelle della gara: clicca

61
Enic Firenze 82

SARZANA BASKET: Bencaster 12, Degl’Innocenti 10, Bambini 3, Bianchini 11, Irving 10, Casini 4, Polverini 4, Penè 7, Stagnari, Bardi ne, Somma ne. All.: Bertieri.
ENIC FIRENZE: Marotta 7, Rabaglietti 14, Passoni 15, Filippi 15, Puccioni 11, Santomieri 10, Goretti 5, Nardi 4, Beconcini, Pezzati ne. All.: Salvetti.
Arbitri: Castiglione ed Attard.
Parziali: 15-25, 33-40, 45-59.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter