Scritte sui muri ed offese: ultras di Lucca protagonisti a Coverciano

Strascico poco piacevole nel post-partita di Enic Firenze-Geonova Lucca. La vittoria del , la seconda in due partite di C Silver, è passata in secondo piano. Al centro dell’attenzione il comportamento di un gruppetto di tifosi di Lucca (il nome del gruppo è ZTL Menenos) protagonista di alcuni episodi da censura. A descrivere l’accaduto è Luca Borsetti, presidente del , presente all’incontro e testimone dei fatti. “Voglio evidenziare il pessimo comportamento di alcuni personaggi che, intruppati in un gruppetto di una quindicina di pseudo lucchesi, hanno avuto atteggiamenti maleducati, offensivi e minacciosi nei confronti dei tifosi, della dirigenza e della nostra squadra, oltre che verso gli arbitri. Tengo a precisare che come Pino siamo legati al da un rapporto di amicizia cordiale e che questa società non ha alcuna responsabilità sui fatti accaduti ieri e che, anzi, viene danneggiata da fatti del genere”.

Borsetti descrive nel particolare un episodio: “Alcuni tifosi di Lucca hanno staccato, stracciato e portato via la bandiera di Israele, solo quella, affissa con molte altre all’interno del a rappresentare le molte nazionalità e origini presenti tra i tesserati del . Il gesto va stigmatizzato proprio perché non vi è niente di più lontano dall’idea di sport che la pallacanestro propone che il razzismo e un estremismo politico idiota, espressioni che trovano, per esempio, nell’antisemitismo una delle espressioni più bieche”.
Non fosse bastato il comportamento deprecabile all’interno del , i lucchesi si sono resi protagonisti anche all’esterno dell’impianto. “Gli stessi lucchesi hanno imbrattato muri e marciapiedi con scritte offensive verso la polizia – prosegue Borsetti -, con espressioni blasfeme e con altri graffiti, classici corredi di chi, tristemente, utilizza una partita di pallacanestro per sfogare la propria frustrazione. Riguardo a tutti i fatti accaduti, sono state avvertite le autorità competenti. Come società Pino, faremo ulteriori passi affinché queste cose, almeno a Firenze, non avvengano più”.

 

Aggiornamento delle ore 00.05: riceviamo e pubblichiamo una nota del

In merito a quanto avvenuto a margine dell’incontro tra Firenze e Cmb Lucca, la società prende le distanze e si dissocia nettamente da qualsiasi comportamento che non sia di assoluto rispetto verso giocatori, dirigenti, arbitri e tifosi avversari. Allo stesso modo ritiene stupidi gesti come il furto di una bandiera o l’imbrattamento dei muri con le bombolette spray. Per questo il Cmb Lucca offre la propria collaborazione affinché episodi del genere non si ripetano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter