Kobe Bryant torna in Toscana, un legame rinnovato

L’episodio di Fantozziana memoria forse più famoso, è il celebre Inghilterra-Italia de Il Secondo Tragico Fantozzi di Sabato 18 (tenetevi a mente la data), con Fantozzi che, non appena sente dalla radiolina in macchina che qualcuno ha fatto palo, arresta auto e famiglia rompe il vetro esclamando: “Scusi chi ha fatto palo?”. Vabbè poi purtroppo si becca cinque nocche in faccia, ma tralasciamo.

Il punto è che la faccia di Fantozzi è probabilmente quella dello staff del ristorante Palmenti e di chi Domenica 19 Aprile (un giorno dopo la telecronaca di Fantozzi, coincidenze? Io non credo) ha incontrato la star dei Lakers Kobe Bryant e consorte Vanessa a zonzo per Firenze e la Toscana per festeggiare il loro anniversario di matrimonio.
Poi per non farsi mancare niente si sono fatti anche un autoscatto (selfie per il 2015) sotto la torre di Pisa per non essere da meno a Will Smith.

bryant_kobe_montelupo_2015_04_17_3

Il 24 gialloviola, 37 anni è infortunato da diverse settimane, solo 31 partite quest’anno e sei la scorsa stagione (con la sua squadra alla deriva e ovviamente fuori dai playoff) ha un curriculum spropositato, avendo vinto praticamente tutto nella NBA: 5 titoli della National Basketball Association, 1 MVP della stagione, 2 MVP delle finali, 17 (!) volte convocato all’All Star Game oltre a 2 ori olimpici e svariati altri premi annoverati nel suo palmares.

Il viaggio della coppia è iniziato Milano, dove è stato per interessi legati ai suoi numerosi sponsor, Kobe poi si è trasferito in Toscana: una capatina a Pistoia (dove ha vissuto tre anni da bambino al seguito del padre Joe, strepitoso tiratore a cavallo tra gli anni ’80 e ’90, e dove ha imparato l’italiano con accento toscano che sfoggia ancora oggi sul parquet), quindi Empoli, Firenze e infine Pisa, con tappa obbligata in Piazza dei Miracoli.
Inoltre le solite voci di corridoio segnalano che il viaggio in Italia potrebbe avere altri risvolti se è vero che l’ex compagno di squadra Ron Artest, oggi Metta World Peace, lo ha invitato a raggiungerlo in Italia. Però per ora ci limitiamo ad osservarlo con la faccia tra lo stordimento e la meraviglia di Paolo Villaggio.

All Comments

  • Bisognava braccarlo in centro! 🙂

    Fabio Bernardini Fabio Bernardini 21 aprile 2015 15:02 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per ricevere le ultime news, unisciti ai nostri canali Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Instagram | Twitter