Temoka lascia Legnaia e si chiude un'era
Serie C

Temoka lascia Legnaia e si chiude un’era

Temoka lascia Legnaia e si chiude un’era
Riccardo Burgalassi

Questa estate il basket mercato fiorentino regala anche momenti di commozione​. E’il caso dell’addio di Patrice Temoka all’Olimpia Legnaia. Come era da settimane nell’aria, la scorsa settimana il club del presidente Sergio Masi ha annunciato la separazione dall’esperto centro di origine camerunense dopo ben 8 stagioni. Anni in cui la Cantini Lorano è passata dalla Serie D alla Serie C2 e poi, nell’ultima stagione, alla salvezza in Serie C. Ha iniziato Temoka con una lettera aperta allo staff e ai tifosi in cui ringrazia tutti facendo trapelare che l’affetto verso l’ambiente non è certo passato e assicurando che manterrà i contatti con l’ambiente.

“Ecco. Ci siamo!
Mi fermo qui, dopo 8 anni di gioia , promozioni, vittorie , sconfitte, godurie, battaglie…ci siamo , con tanto dispiacere non farò più parte delle battaglie in campo, delle nuove sfide mi aspettano.Il fisico mi abbandona e seguire un cette ritmo non é più possibile . .. questa maglia lo cucita sulla pelle, e anche se non farò più parte delle battaglie in campo sarò presente sulle spalti con voi tifosi che voglio profondamente ringraziare per il vostro sostegno infaticabile anche nei momenti bui.
Grazie di cuore per tutti questi anni bellissimi e non vorrei metabolizzare il fatto che non ci sarò più . I miei compagni sapranno sono sicuro portare sempre alto i nostri colori , grazie a tutti dirigenti per avermi sopportato questi anni. Grazie a tutti miei compagni, avverto. Farò il capo ultrà il prossimo anno..
Vi voglio bene. E forza Olimpia forever.” Patrice Temoka

​Pronta la risposta del club che, con un’altra lettera aperta, stavolta del presidente Masi, ha ringraziato il giocatore per i tanti momenti vissuti insieme.
​“Come sarà la prossima stagione senza Patrice Temoka? È una domanda che in questa domenica mi assale come un tarlo che mi buca il cervello, perché in tutti gli ultimi 8 anni lui c’è sempre stato e per me era un fatto scontato che ci fosse, come se avesse fatto parte della mia vita sportiva legnaiola da sempre e soprattutto perché il nostro rapporto, tra alti (tanti) e bassi (pochi), ritengo sia stato un fattore fondamentale in un percorso ricco di soddisfazioni per tutta l’Olimpia Legnaia. Per descrivere Pat infatti ci vorrebbero settimane ma in queste poche righe cercherò di limitarmi alle cose più importanti che sono avvenute e che hanno lasciato un segno indelebile nella storia dell’Olimpia Legnaia e nel mio cuore.
Cominciamo dall’inizio, la firma del primo anno. Un pomeriggio del settembre 2010, ci trovammo ad un distributore sotto il diluvio in via Baracca alle ore 19; dopo la firma del contratto le parole di Pat furono: “Allora sono ufficialmente un giocatore di Legnaia”. Ebbe inizio così il lungo percorso di uno dei giocatori che, dal 1973 ad oggi, più ha rappresentato i colori legnaioli, sia in campo che fuori.
Il primo anno fu subito promozione in C2 e finale di Coppa Toscana: il che per una squadra ripescata in Serie D dalla Promozione fu un grandissimo risultato. Patrice trascinò la squadra a suon di punti e rimbalzi e, cosa altrettanto importante, riportò entusiasmo nell’ambiente gialloblu, diventando idolo indiscusso dei bambini che esultavano ad ogni sua giocata. Con lui, tre anni dopo, c’è stata anche la Promozione in C1 a cui ha fatto seguito la salvezza di quest’anno in Serie C Gold, che potremmo tranquillamente paragonare ad una promozione.
Tante sono le emozioni che Pat ha regalato a tutta Legnaia, con le schiacciate che hanno fatto tremare (e non solo) tutti i canestri della Toscana, con i mille rimbalzi arpionati, con la sua instancabile voglia di vincere che bene è impressa negli occhi di tutti coloro che hanno avuto modo di giocare con lui e di apprezzarlo (non per nulla è stato ribattezzato come “Fenomeno”): al contempo ricorderò sempre con un sorriso i canonici 7 minuti di ritardo agli allenamenti, così come i numerosi viaggi attorno al globo terrestre che sfortunatamente lo tenevano lontano dalla palestra del Filarete. Come dimenticarsi poi del travestimento da Babbo Natale alla Festa MiniBasket del 2014, assediato da tutti i bambini alla ricerca di un autografo, di un suo sguardo o semplicemente di una battuta, che lui non ha mai negato a nessuno.
Questo era Temoka, questa era Legnaia.
Scrivendo queste mie riflessioni che oggi mi assalgono e che sono solo una milionesima parte di quello che Pat ha simboleggiato per noi, lo ringrazio per questi 8 anni e gli faccio un grosso in bocca al lupo per la prossima sfida che lo attende, ben più importante di quelle affrontate fino ad oggi in campo, ovvero quella che presto lo porterà ad essere “babbo”.
Sicuro che lo vedremo sempre a tifare Olimpia, con affetto.” Sergio Masi

I contratti scadono, le strade si separano, ma l’amicizia continua. Il basket è anche questo.

Download App

Commenti

Serie C
Riccardo Burgalassi
@cigarafterten

In gioventù ha giocato a basket con pessimi risultati. Ideatore e gestore di due siti sull'Eurolega: Cigarafterten (in inglese) e Osservatorio Basket (in italiano). E' web content editor per uno dei più grandi bookmakers del mondo. Tifa Reyer da sempre

Ancora in Serie C

Copyright © 2012 - 2017 Firenze Basketblog