Le 15 cose che ricorderemo dell’All Star Game 2016
All Star Game

Le 15 cose che ricorderemo dell’All Star Game 2016

Le 15 cose che ricorderemo dell’All Star Game 2016
Francesco Guidotti

Un evento rimasto negli occhi e nel cuore di molti, anche a giorni dalla sua conclusione. Ma cosa ci è rimasto più impresso della tre giorni al Piazzale Michelangelo?

  • Se qualche spiaggia cerca animatori a Firenze trovate in saldo Zanardo, Calamai e Paoletti, non hanno bisogno che di un po’ di acqua e un microfono per funzionare. Sono stati testati per 72 ore sotto a un sole torrido e vento impetuoso. Chiamare ore pasto, li troverete con un hamburger di chianina o un panino ai gamberi.
  • Il playground è l’habitat perfetto per Marco Cherici, dov’è riuscito a convivere alla grande con il suo amico e allenatore Pippo Pescioli. Chissà se in stagione al PalaBalducci rivedremo qualche caviglia messa a dura prova dai crossover del numero 2 Bianco.
  • Tommaso Vignozzi è stato senza dubbio una delle sorprese dell’ASG, tenuto spesso e volentieri in campo da coach Trucioni ha segnato 15 punti complessivi tra semifinale e finale, vedendo quanto sono stati bassi i punteggi finali, si capisce l’importanza di questo giocatore nella vittoria dei Rossi.
  • Sfida epica sotto le plance tra due esimi interpreti del ruolo: Mattia Udom (13.5 punti di media) e Andrea Zerini (9 segnati a partita). I due numeri 11 di Bianchi e Rossi, hanno dato vita a sfide intense sotto il tabelloni, veri e propri testimoni per i ragazzi fiorentini che vogliono arrivare a giocare in serie A e fare del basket il proprio lavoro.
  • Ricorderemo per sempre l’imperturbabilità e la pacatezza di Tommaso Romoli quando il vento ha divelto tutti i gazebi, grazie a lui la serenità ha regnato sovrana (eufemismo).
  • Rischio di lussazione di una spalla, sbucciature varie, cadute e problemi muscolari, tutti prontamente risolti dalla crocerossina Enrica Niccolai che si è avventata su chiunque avesse un problema. Dopo il Mayer abbiamo una nuova eccellenza ospedaliera in città!
  • Sono passati da Piazzale Michelangelo più bambini che da MondoBimbo. Una sequela di ragazzi e ragazze dai 6 ai 12 anni ha letteralmente invaso i due canestri a loro riservati giocando 24 ore al giorno non-stop, il tutto sotto gli occhi vigili di Martina Pugliese e Leonardo Lerede.
  • Le curve dei quattro quartieri, i fumogeni, i cori da palazzetto, il fair play: nonostante siano transitate dal Piazzale qualche migliaio di persone, mai nessuna di queste è andata sopra le righe. È questo il tifo che ci piace ricordare.
  • Nessuna partita è stata uno show o un’amichevole, vedi i falli presi, i tecnici, nessuna squadra voleva perdere e tutti hanno messo il proprio agonismo difendendo ad ogni azione. Non si molla nella regular season, figuriamoci di fronte al Cupolone di Brunelleschi.
  • Anche l’occhio ha voluto la sua parte, niente è stato lasciato al caso. Il villaggio del basket creato grazie ai tanti sponsor è stato progettato nei minimi dettagli, con vesti grafiche per il playground, magliette, gadget e quant’altro. Un plauso alla premiata ditta Tommi Paoletti e Tommi Romoli.
  • Il livello sul campo è stato molto alto. Con giocatori provenienti da dalla serie D fino alla A e dalla nazionale (indizio: il tale cestista ha pure vinto il premio di MVP della manifestazione). Ovviamente anche chi veniva da serie inferiori non ha mai demeritato, mettendo tutto sé stesso in difesa della propria conference.
  • Siccome Firenze fa della multiculturalità un suo tratto distintivo, non poteva mancare un cestista islandese (o altoatesino?) all’All Star Game: Alex Putzer. Oltre a far innamorare una sequela di ragazze ha partecipato alla gara delle schiacciate rimanendo fuori dalla finalissima per un soffio.
  • Come dimenticare poi lo slum dunk contest, con la finale tra Lorenzo Scolari (e il suo selfie-time a mezz’aria durante la schiacciata) e Raffaele Camerini, poi vincitore grazie al salto di due ragazzini travestiti per l’occasione da Teletubbies. Grandi idee per un pubblico estasiato.
  • Impossibile dimenticare lo stand e il salvadanaio per la fondazione Tommasino Bacciotti, riempito grazie alla solidarietà e alla generosità dei presenti. Baldacchino che è stato gestito da alcune volontarie stakanoviste per tutti e tre i giorni, vendendo le magliette e gadget per autofinanziare la tre giorni del prossimo anno.
  • La pallacanestro a Firenze è viva e ha un cuore grande composto dai tanti volontari e spettatori che sono passati dal piazzale. Sin dal primo giorno la gente parlava già di cosa si poteva aggiungere all’evento del prossimo anno. Quali saranno le innovazioni? Tra 360 giorni avrete la risposta! #ASG2017 is coming e #cisaradadivertirsi!

con la collaborazione di Antonio Calamai

Download App

Commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

All Star Game
Francesco Guidotti
@FraGuidotti

Atene 2004 & pallacanestro, qui Cupido ha scoccato la freccia. Cresciuto quando quasi 3000 fiorentini andavano al Mandela Forum per Everlast-Osimo. Ha collaborato per BasketInside, TeleIride, BasketMagazine e creato Barre Di Plutonio. Collabora con ItalHoop e Sportando. Studente di lettere moderne all’Università di Firenze.

More in All Star Game

simone_trucioni_coach_rossi2016-400x240

I Rossi vogliono ripartire dalla loro stella, ma occhio a sottovalutare il gruppo

Francesco Guidotti23 giugno 2017
alessandro_calamai_laurenziana2016_allstargamecoach-400x240

Gli Azzurri non si vogliono fermare in semifinale, nei lunghi l’arma tattica

Francesco Guidotti17 giugno 2017
13490705_1100919013314371_956859328178365636_o-400x240

Pescioli: “Obbligatorio migliorarsi, magari vincendo. Vedo nuovi giocatori interessanti per i Bianchi”

Francesco Guidotti14 giugno 2017
tommaso_paoletti_all_star_game2016-400x240

Un Paoletti commosso fa il bilancio dell’All Star Game 2016

Basketblog15 luglio 2016
simone_trucioni_coach_rossi2016-400x240

Rossi, coach Trucioni: “Volevamo vincere questa edizione storica”

Basketblog15 luglio 2016
pierguidi-dormentoni-all-star-game-400x240

Pierguidi e Dormentoni commentano il successo dell’All Star Game 2016

Basketblog15 luglio 2016

Copyright © 2012 - 2017 Firenze Basketblog